I nostri Alumni

Prescott College attira e genera persone con storie e risultati più sorprendenti! Quindi incontrane alcuni qui e dai un'occhiata a ciò che stanno facendo nel mondo e alle storie che ispirano.

Dopo aver terminato il suo BA presso Prescott College, Colin ha lavorato come Crop Curator presso Native Seeds / SEARCH a Tucson e Patagonia, in Arizona, e come biologo in una società di consulenza ambientale a San Diego, in California.

Ha poi continuato a completare i suoi master in "Conservazione e utilizzo delle risorse genetiche vegetali" presso il Università di Birmingham, Regno Unito. Questa esperienza ha aperto l'opportunità di lavorare a Roma all'interno dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, per il Global Crop Diversity Trust. Colin sta attualmente lavorando a un nuovo progetto Trust, mentre persegue un dottorato di ricerca. con Università di Wageningen (Paesi Bassi), conducendo ricerche presso CIAT (Centro internazionale per l'agricoltura tropicale, con sede in Colombia) sulla conservazione dei parenti selvaggi delle colture.

Angie è attualmente comproprietario di una fattoria CSA membro di 400, Mountain Bounty Farm, e gestisce anche un'attività floreale laterale, The Flower Project, che coltiva fiori recisi speciali per CSA, mercati degli agricoltori e matrimoni. Angie e suo marito, John, organizzano un programma di tirocinio all'interno del quale hanno avuto l'opportunità di insegnare e guidare dozzine di imminenti agricoltori, molti dei quali hanno avviato la propria fattoria. Quattro anni fa, Angie ha aperto un nuovo mercato di agricoltori nella loro città di Nevada City. Il mercato mette in mostra una vasta gamma di piccole fattorie locali nella zona.

Le mie attività sono modellate da due obiettivi correlati. Il primo è esplorativo, un tentativo di comprendere e comunicare l'eleganza e la cruda vitalità dell'umanità, mentre il secondo è stato posto in pratica, uno sforzo per promuovere un rapporto equo con la terra.

Da quando mi sono laureato Prescott College, questo processo si è materializzato in vari modi. Come scrittore e comunicatore, ho indagato sulla violenza politica e ho lavorato con un gruppo di bambini per pubblicare un libro sulla vita per le strade dello Zimbabwe, documentato il ruolo del degrado del territorio e della scarsità d'acqua nell'Africa orientale e interpretato la riconciliazione etnica nel dopoguerra Kosovo. In 2009, da giovane esploratore della National Geographic Society, ho camminato lungo il fiume Ewaso Nyiro che sfocia negli aridi paesaggi culturale-ecologici del Kenya settentrionale per esplorare le frontiere del confronto tra cultura, fauna selvatica e forze globalizzanti più ampie. Attualmente sto scrivendo un libro su questo problema.

Come ambientalista, ho lavorato sulla gestione del territorio e sulla fauna selvatica in Zimbabwe, Mozambico, Uganda e Kenya. Alcune di queste esperienze includono essere il responsabile del campo per un'area protetta, promuovere la generazione di reddito attraverso la raccolta e la vendita sostenibili di miele e piante selvatiche, integrare le pratiche tradizionali di gestione del bestiame nelle attività di conservazione della fauna selvatica e monitorare i movimenti e il comportamento degli elefanti per aiutare pianificazione della conservazione su scala paesaggistica.

Attualmente, sto lavorando per il mio Master in Conservation and Management presso l'Università di Oxford.

Offrire lavoro sostenibile agli artigiani che conosco è diventata la mia passione. Quando le persone stanno cercando di aiutare se stesse, è eccitante adottare la missione di diffondere il commercio equo e solidale. Gli artigiani con cui lavoro non vogliono un volantino; vogliono clienti. Il nostro gruppo del commercio equo e solidale - lo chiamiamo UN MONDO FAIR - aiuta un certo numero di artigiani in Uganda, Tailandia e Bhutan che si stanno sforzando di rompere le barriere che hanno messo in povertà generazioni delle loro famiglie. La barriera delle difficoltà è semplice come non avere abbastanza lavoro per guadagnarsi da vivere. Quando i gioielli in carta riciclata arrivano in scatole confezionate all'incirca dagli artigiani dell'Uganda, i volontari aiutano a vendere i gioielli degli artigiani alle persone attraverso feste a casa, negozi di articoli da regalo, boutique di abbigliamento femminile, librerie universitarie, negozi di alimenti naturali e negozi di musei. Gli artigiani sono pagati ben al di sopra del salario minimo dell'Uganda, un salario del commercio equo e un ambiente di lavoro sicuro è enfatizzato

Con la recessione economica che ha represso la spesa dei consumatori, è più difficile per le persone che escono dalla povertà continuare a costruire la propria vita. Inviare i propri figli a scuola e pagare per la salute e le necessità domestiche è diventato più difficile per gli artigiani. Alcuni artigiani hanno dovuto affrontare un devastante tuffo nella povertà. Ci sono 2.7 miliardi di persone nel mondo - circa sei volte il numero di persone che vivono negli Stati Uniti - che guadagnano meno di $ 2 al giorno. Questa è una sfida per tutti noi. La sfida economica di questi tempi rende la pratica del modello commerciale del commercio equo e solidale ancora più critica affinché gli artigiani possano ottenere la loro giusta quota. Questo mi motiva ogni giorno.

Il fatto è che ci sono un gran numero di "consumatori consapevoli" che si preoccupano di acquistare beni di "origine etica" piuttosto che prodotti fabbricati in circostanze lavorative discutibili. La prova di ciò è che i negozi e le vendite del commercio equo e solidale sono cresciuti in questo paese, così come in Canada, Europa, Nuova Zelanda e Australia, negli ultimi quarant'anni. L'anno scorso, ad esempio, secondo la Fair Trade Foundation in Inghilterra, 4.12 miliardi di prodotti del commercio equo e solidale sono stati acquistati in 2008. Durante un periodo di recessione, la gente compra ancora alcune cose e spende ancora dei soldi. Vogliamo solo che le persone pensino a ciò che spendono e si rendano conto che il loro denaro è il loro potere e possono fare una dichiarazione per il bene e per UN MONDO FAIR anche durante i periodi in cui spendiamo meno. Promuoviamo che acquistare beni del commercio equo e solidale è ancora più importante ora che durante i normali periodi economici. Le festività natalizie e i regali sono tra i periodi perfetti per ricordare quelle persone in povertà e sostenerle. Per ulteriori informazioni, contattare Linda all'indirizzo Linda@afairworlddesigns.com.

08 di Tucson di Jessica Williams è stato insignito della Campus Ecology Fellowship dalla Federazione nazionale della fauna selvatica sostenere il lavoro nei campus universitari che affrontano il riscaldamento globale.

Jessica ha utilizzato la Fellowship per concentrarsi sulla riduzione delle emissioni di carbonio riducendo la distanza percorsa dai cibi prima di raggiungere il consumatore. Ha lavorato per promuovere i mercati degli agricoltori nei campus universitari in tutto il paese e ha sostenuto il consumo di cibo locale tra la popolazione del college. "Attualmente sto scrivendo un protocollo di buone pratiche per l'avvio di un mercato degli agricoltori nei campus con Gale Welter, coordinatore del mercato degli agricoltori attraverso l'Università dell'Arizona nel dipartimento di Campus Health di Tucson", ha detto Jessica del suo progetto. "Abbiamo in programma di distribuire questo protocollo ai campus in tutto il paese che sono interessati."

75 di Lee Stuart è stato in prima linea nella ricerca sul clima, combattendo gli incendi boschivi, alimentando gli affamati e ospitando i senzatetto. Ha scelto i colpi di scena del suo viaggio, imparando continuamente dai mentori lungo la strada e rimanendo fedele a una bussola interna che raramente le ha fatto sbagliare.

La prima svolta del suo viaggio è stata la decisione di partecipare Prescott College. Lee aveva chiesto l'ammissione anticipata all'Università di Rochester per studiare chimica. La zia di Lee fu la prima cardiologa pediatrica in Arizona e stava curando il bambino neonato di un professore di biologia al College. Sua zia l'ha invitata in Arizona per il Ringraziamento e le ha suggerito un viaggio Prescott College, in quanto "potrebbe essere più interessante".

A quei tempi era pratica dell'ufficio ammissioni far sì che i futuri studenti passassero la notte nei dormitori per farsi un'idea del campus. Sfortunatamente, tutte le donne nel dormitorio a cui era stato assegnato Lee erano in gita nel Grand Canyon. "Ero completamente solo nella suite e mi sentivo molto solo, ed era un po 'inquietante, in realtà." Sentì bussare alla porta.

Si aprì per trovare uno studente, Jeff Schwartz, che aveva incontrato all'inizio della giornata come guida turistica del campus, e un gruppo di suoi amici con in mano dei pacchi. Sapevano che era sola e avevano deciso di condividere i loro pacchetti di assistenza per le vacanze da casa con lei per "un primo Giorno del Ringraziamento". Lee prese la decisione in quel momento di partecipare Prescott College. “Mi soffoca ancora fino a oggi per raccontare quella storia. Non potevo credere che ci potesse essere un posto in cui la gentilezza, l'accoglienza e il riconoscimento della comunità erano proprio così. "

All'inizio Lee ha studiato chimica, studi ambientali e molta matematica. Fu solo quando ricevette l'esame finale di chimica del primo anno che si rese conto di quanto fosse diverso questo posto. Il professor Bob Harrill includeva un diagramma dello spettro di assorbimento atomico dell'atmosfera e il grafico di Mauna Loa che mostrava una CO2 atmosferica crescente e poneva la domanda: "Quali sono le implicazioni per la terra?" All'inizio, non aveva idea di come rispondere o una qualsiasi delle domande simili sul test. Lei e un partner dello studio, Marv Barstow, sono andati a lavorare in biblioteca e nel corso della settimana hanno letto dell'effetto serra, del ruolo dell'etilene nella maturazione dei frutti, creando la struttura molecolare dei composti organici dall'analisi spettrale e altri fenomeni incluso nelle domande d'esame, che andavano ben oltre la chimica elementare.

Quando sono andati a consegnare l'esame, molto soddisfatti del loro lavoro, hanno comunque chiesto al professore di siero di latte che nessuna delle domande era stata affrontata nel corso. La risposta di Bob fu: “Mi aspetto che tu sappia cosa ho insegnato in classe. Quello che voglio sapere è quanto lontano puoi prenderlo. ”Questo è stato un punto di svolta. Cominciò a rendersi conto che l'educazione non era tanto: "Che cosa sai?", Ma "Fino a dove puoi andare?"

Durante la sua prima estate a scuola Lee e il suo compagno di classe Chris Griffin sono diventati membri fondatori e le prime donne a unirsi alla Prescott Fire Crew (composta interamente da Prescott College studenti). È stato l'anno del Battle Fire. Lei e l'equipaggio hanno lavorato 40 delle prime ore 48 in prima linea, farsi un nome per se stessi, e hanno avuto molte altre avventure oltre. Nella seconda estate furono raggiunti da studenti del St. John's College di Santa Fe e l'equipaggio divenne noto come Prescott Hotshots. Lee voleva un futuro nel servizio forestale, ma sapeva che non sarebbe stato un lavoro manuale su una squadra di vigili del fuoco, quindi ha cercato altre opportunità attraverso il suo progetto senior.

Le è stato offerto un posto presso il Forest Service Fire Laboratory degli Stati Uniti a Riverside, in California, dove ha lavorato per otto mesi per ricostruire la mappa della vegetazione per un'area che era stata bruciata nelle montagne di Santa Monica per testare un modello matematico di come gli incendi boschivi diffusione. Questo tipo di lavoro ha combinato il suo amore per la matematica e la biologia e ha trascorso del tempo all'aperto. Fu la combinazione perfetta che alla fine portò al suo lavoro di laurea.

Lee aveva un po 'paura di frequentare la scuola di specializzazione. Prescott College non era stata un'educazione tradizionale e non era sicura di come se la sarebbe cavata con un programma più formale e strutturato. Il suo piano era di volare sotto il radar nello Stato di San Diego, in particolare di volare sotto il radar di Phillip C. Miller che aveva scritto i capitoli in uno dei suoi testi universitari sulla modellazione matematica che l'aveva ispirata a recarsi alla SDSU per cominciare. Per fortuna, Phil ha scelto Lee come suo studente durante il processo di ammissione. Apparentemente, quando Phil era uno studente laureato, uno dei suoi compiti era stato quello di aiutare a sviluppare il curriculum di studi ambientali per un nuovo college in Arizona. Voleva vedere che tipo di studente Prescott College era finito alla fine.

Lee e Phil hanno iniziato e insieme ad altri studenti, post-dottori e professori organizzati come Systems Ecology Research Group, si sono divertiti molto a passare le estati in Alaska e poi i termini accademici a San Diego o in Cile lavorando su modelli matematici di la fisiologia vegetale e l'ambiente fisico della tundra e dell'ecosistema mediterraneo. Sebbene primitivi, alcuni dei loro modelli indicano che il riscaldamento globale creerebbe molto probabilmente una fonte di composti per il carbonio atmosferico quando il permafrost si scongelava e si decomponeva. "Purtroppo abbiamo avuto ragione a riguardo", afferma.

Quando Phil è morta durante l'ultimo anno del suo dottorato di ricerca. programma, la vita di Lee ha preso un'altra svolta.
"Mia madre aveva sempre detto che quando ti senti triste o dispiaciuto per te stesso, vai a fare qualcosa per qualcun altro e superalo." Si offrì volontaria per una raccolta fondi dell'UNICEF e con le persone che incontrò lì, si offrì anche con la coalizione ecumenica di preoccupazione Americani (ECCA) nella zona di Los Angeles. L'ECCA gestiva un programma di distribuzione / assistenza alimentare in cui acquistava direttamente dagli agricoltori e dai coltivatori, quindi lo confezionava e lo distribuiva attraverso altre organizzazioni.

Era ispirata, ma sapeva che c'era un modo migliore per coordinarlo. Armato di una rinnovata passione per la lotta alla povertà (iniziata nella sua infanzia in Appalachia) e in mente di una migliore logistica, Lee è tornato a San Diego e ha contribuito a formare lo Scambio di auto-aiuto e risorse (SHARE), che funzionava sostanzialmente come l'ECCA.

SHARE stava appena decollando quando andò alla Virginia Tech per fare un lavoro post-laurea. Sebbene amasse il suo lavoro, Lee comprese che la fisiologia delle radici, la modellazione matematica e le infinite ore in un laboratorio erano solo una parte della vita e cercava altri modi per essere coinvolti nella comunità. All'inizio ha incontrato il capo della New River Valley Community Action e ha lavorato con tale organizzazione come volontaria per riprodurre il programma SHARE per la Virginia sudoccidentale. Una cosa ha portato a un'altra e, a seguito di un incontro propizio delle menti tra uno degli altri cofondatori di SHARE a San Diego, un ricco investitore e un abate trappista, è nata l'idea di iniziare SHARE nel South Bronx. Chiesero a Lee di guidare la nuova avventura e lei lasciò la Virginia per il Bronx, arrivando a marzo 11, 1985.

Per dare un'idea dello stato assolutamente fatiscente e trascurato del Bronx meridionale, Lee ricorda la sua seconda settimana di lavoro quando una troupe cinematografica tedesca arrivò a girare filmati che potevano raddoppiare per la distruzione dopo l'attentato di Dresda durante Seconda guerra mondiale. Era una comunità che aveva bisogno di molte cose e nel giro di un anno le chiese 250 si erano unite alle famiglie SHARE e 10,000 partecipavano al programma ogni mese.

In 1986 un uomo è venuto a vedere Lee al lavoro. Jim Drake era stato il direttore nazionale dell'organizzazione Ceasar Chavez durante il boicottaggio dell'uva che ha portato i United Farm Workers al loro primo contratto. Chiese a Lee: "Non sei preoccupato di insegnare la dipendenza?" Era perplessa. Ha spiegato che facendo così tanto per le persone senza costruire strutture o opportunità per loro di prendere le proprie decisioni o essere coinvolti nelle soluzioni, che probabilmente stava perpetuando la peggior forma di povertà: la dipendenza appresa. Questa è stata un'altra conversazione rivoluzionaria per lei.

Jim era nel Bronx come organizzatore nazionale per la Industrial Areas Foundation e stava lavorando con i pastori locali per organizzare le South Bronx Churches (SBC), un'organizzazione multi-problema di ampia base con il potere sufficiente per portare un vero cambiamento nel quartiere. “Ero in presenza di un organizzatore davvero gigantesco e in quel momento sapevo che volevo lavorare con questo ragazzo. Aveva un modo efficace di pensare alle forze che creavano potere e ingiustizia e un piano per invertire davvero i piani su quei sistemi. Mi ha sfidato e ispirato. ”Jim ha continuato ad aiutare Lee a capire come costruire un'organizzazione con leadership locale e come navigare e costruire un potere di base che potesse affrontare e vincere contro avversari molto più grandi: ospedali locali e alloggi e istruzione a New York City sistemi. Alla fine, ha seguito Jim come organizzatore principale delle Chiese del Sud Bronx, intraprendendo due grandi progetti durante il suo mandato lì.

Il progetto Nehemiah delle Chiese del Sud Bronx ha costruito case e condomini per famiglie monofamiliari e bifamiliari e condomini per i proprietari di case per la prima volta che vivono nel Sud del Bronx, la maggior parte guadagnando tra $ 966 e $ 25,000 all'anno e vivendo in case popolari o in affitti di bassa qualità. Il progetto è stato finanziato da un prestito rotativo di $ 30,000 da ordini religiosi cattolici, dalla Chiesa evangelica luterana americana in America e dalle Chiese episcopali di Trinità e San Giacomo. La città di New York ha fornito terreni liberi e un sussidio di $ 3.5 per unità per ridurre ulteriormente i costi e in dieci anni SBC ha ricostruito gran parte delle sezioni Melrose e Mott Haven del Bronx. Ciò che era rimasto vacante e abbandonato da tre decenni è ora una fiorente comunità multiculturale con un crimine molto basso, un tasso di preclusione inferiore allo 15,000% e l'equità detenuta dalle stesse famiglie del Sud Bronx.

Lee ha anche contribuito alla creazione della Bronx Leadership Academy High School. "All'epoca l'intero sistema scolastico nel Bronx era stato istituito per fallire", afferma. "Ci si aspettava che i bambini portassero la propria carta igienica a scuola, e un preside di una scuola elementare ha persino costretto i bambini a pranzare da terra perché l'unione del bidello ha detto che era più facile in quel modo." Jim aveva insegnato a Lee di iniziare in piccolo con i dirigenti delle Chiese del Sud Bronx i cui figli hanno frequentato quella scuola, si sono avvicinati prima al Board of Education di New York City riguardo ai bambini che mangiano da terra - una vittoria abbastanza facile. Nel corso del tempo, e con molta pressione, le Chiese del Sud Bronx hanno negoziato con il Consiglio e con il sostegno del Sovrintendente del Bronx delle scuole superiori, hanno costruito "un nuovo tipo di scuola superiore".

Usando le regole e i regolamenti del sistema educativo dello Stato di New York e di New York City, la South Bronx Church ha massimizzato il maggior numero di risorse possibili tra cui il numero di piedi quadrati e istruttori per bambino. L'esperienza ha contribuito a promuovere il cambiamento politico presso il Board of Education, che ha creato sempre più piccole scuole nel corso degli anni.

Seguendo uno schema di qualche tipo, il suo mentore nell'organizzazione, Jim Drake, morì e decise di passare a un altro capitolo della sua vita. Terminò il progetto Nehemiah e cercò uno scopo in diverse altre organizzazioni, lavorando sull'educazione degli adulti, sullo sviluppo internazionale e, per un breve periodo, sulla difesa dei parchi. Quando le opzioni a New York si sono sentite troppo limitate per lei, ha messo il suo curriculum in molti posti facendo lo sviluppo della comunità e ha ottenuto un lavoro con Duluth, Minn., Ramo della Local Initiatives Support Corporatin (LISC), ha dato praticamente tutto ciò che aveva alle famiglie messicane con cui aveva lavorato alla SBC, e saltò sulla sua Subaru per ricominciare da capo.

"Duluth è fantastico!", Dice, spiegando che è molto liberale, ma anche molto bianco - qualcosa a cui non era abituata dopo 24 anni nel Bronx. "Le disparità tra nativi e afroamericani e bianchi sono estreme qui."

Ha lavorato per due anni rifacendo i piani di vicinato e simili, ma non era così attivo come voleva essere. Quando la posizione di direttore in un'organizzazione chiamata Churches United in Ministry (CHUM) si è aperta a Duluth, è stata incoraggiata a candidarsi dal suo leader uscente e da altri membri della comunità. CHUM stava per costruire un condominio di unità 44 per alloggi permanenti di supporto per famiglie con bambini che avevano sperimentato senzatetto a lungo termine o ricorrenti, quindi volevano qualcuno che conoscesse il loro modo di aggirare un progetto di costruzione. Hanno anche apprezzato il fatto che Lee abbia lavorato per lungo tempo in un'organizzazione ecumenica e interreligiosa.

È con CHUM da due anni e si trova a imparare di più ogni giorno. Principalmente sta imparando come gestire un'organizzazione che fornisce servizi diretti. La missione di CHUM è "Persone di fede, che lavorano insieme per fornire le necessità di base, favorire una vita stabile e organizzarsi per una comunità giusta e compassionevole". In quanto tale, gestisce il più grande rifugio di emergenza di Duluth per persone senza fissa dimora e famiglie e fornisce la rete di sicurezza sociale di base per Duluth è il più povero dei poveri. “Questa è la mia prima esperienza con le persone che sono state buttate via dalla nostra società. Nel Bronx, il posto era l'apparente lancio, non la gente. ”Spiega che per la maggior parte, le persone che popolavano il Bronx erano residenti da molto tempo che erano sopravvissuti alla distruzione del quartiere o immigranti che si consideravano valorosi sopravvissuti provenienti da luoghi terribili in tutto il mondo per fare una vita migliore negli Stati Uniti.

Le persone che Lee vede arrivare al CHUM Shelter sono state fallite dai sistemi e dalla cultura che li circonda, con oltre la metà che mostra chiari segni di malattia mentale. Sta cominciando a sostenere un alloggio sicuro per le persone con gravi malattie mentali in modo che possano uscire dal rifugio, dal carcere, dall'ospedale, dal ciclo di strada. I nuovi appartamenti sono ora aperti e entro la fine di marzo 2015, le famiglie 44 saranno in residenza. "La parte migliore per me", dice Lee, sono le mamme in gravidanza che si trasferiscono. "Sono senzatetto da oltre un anno, o almeno tre o quattro volte negli ultimi anni - e ora il loro bambino è sta per nascere NON senzatetto. È magnifico."

Lee ha una profonda comprensione della posizione di privilegio da cui proviene. “Sono stato in grado di fare le cose che ho fatto grazie all'investimento fatto in me dalle istituzioni e dalla mia famiglia. Scommettevano tutti per il mio successo. Ciò non accade più ai giovani, in particolare alle persone di colore. La scommessa è contro di loro.

“Sono molto orgoglioso del mio lavoro, ma sono anche guidato dall'umiltà della posizione di privilegio da cui provengo. Il bambino che è nato in una famiglia che non può occuparsene, è una sfortuna. Non ha nulla a che fare con il valore di quel bambino o il valore di quella mamma o papà. Voglio costruire una società in cui la fortuna ha meno a che fare con essa. La giustizia sociale sta togliendo la fortuna dall'equazione. Ne toglie il privilegio.

“Questo è ciò che voglio trascorrere per il resto della mia vita. Creare luoghi dove le persone possono avere una possibilità, dove i bambini possono essere al sicuro, dove i genitori possono essere tenuti nell'abbraccio sicuro di una comunità che li ama e li onora; dove la vita è una seconda possibilità, e la terza e la quarta; dove vengono riconosciuti i doni, dove le scuole alimentano il pieno sviluppo dei bambini, dove le culture sono onorate, dove rispettiamo gli anziani, dove la salute non si basa sul codice postale, sul colore della pelle o sul reddito. Quel genere di cose.

“Anni fa, quando ero uno studente a Prescott College, Willi Unsoeld ha tenuto un discorso di laurea in cui ci ha detto di sognare in grande per le nostre vite - non qualcosa di semplice come quello che aveva fatto, essendo il primo americano sull'Everest. Ci ha detto di passare la vita su qualcosa di grosso. Ci ha suggerito di umanizzare la burocrazia. Doveva fare una risata, ma praticamente da allora ho seguito il suo consiglio. "

Melanie è attualmente l'agricoltore capo in una fattoria della comunità chiamata Land's Sake, a Weston, MA. La fattoria è una fattoria diversificata di ortaggi e bacche di PYO che cresce su acri 22 (di solito lasciando acri 4-5 a riposo nelle colture di copertura). La fattoria supporta una quota 130 CSA, uno stand agricolo ben consolidato (la maggior parte delle entrate viene generata lì) un bellissimo giardino fiorito PYO, e contrae con la città locale per donare $ 25,000 (a costi all'ingrosso) per un valore di verdure a dispense alimentari locali e programmi di accesso al cibo nella vicina Boston.

Ho avuto la fortuna di avere l'opportunità di lavorare per un'organizzazione educativa locale senza scopo di lucro, l'Highlands Center for Natural History, i cui metodi e missione approvo con tutto il cuore. Ora sono il loro direttore dell'educazione e sono responsabile dei programmi che servono ogni anno vicino ai bambini e agli adulti di 8,000. Continuo a imparare Sono ispirato dal sapere che questa piccola comunità di personale e docenti con cui lavoro è una di quelle che possono davvero cambiare il mondo, un bambino alla volta. Quando vedo le espressioni negli occhi dei bambini cambiare dalla paura di gattonare per affetto in un periodo di poche ore sui siti dei nostri centri naturali, so che sto facendo il lavoro giusto. I miei quattro anni a Prescott College sono stati tra i migliori della mia vita. Prescott College spalancai gli occhi sulle infinite possibilità della vita e sulla meraviglia di tutto. Ho sviluppato un enorme apprezzamento per il motivo per cui pensiamo e ci comportiamo come facciamo nella nostra civiltà occidentale. Ho imparato a conoscere il mio posto, il mio ruolo nella storia. Mi rendo davvero conto del valore di educare al senso del luogo, imparare a conoscere "casa" e tuttavia capire come i sistemi più grandi modellano il nostro ambiente e noi.

Consiglio agli studenti: Credi in te stesso e confida nel processo Prescott College. Immagina di fare ciò che sogni di realizzare e tieni quella foto accanto a te. Non è tutto vino e rose, certo, ma quell'immagine che hai del futuro è ciò che ti farà avanzare, passo dopo passo. Lavorare duramente. Dai tutto quello che hai. È un privilegio far parte di questa scuola. Non dare nulla per scontato.

Sebbene sia un'istruttrice universitaria per oltre 15 anni, Katherine Minott ha un'altra dimensione della sua vita che è altrettanto stimolante e gratificante: la realizzazione di fotografie di belle arti. Con il suo stile astratto, esplora la bellezza nascosta negli oggetti di tutti i giorni, il sacro nascosto nel banale.

Minott è infatuato di oggetti inanimati da molto tempo. Perché? Vernice scrostata, stoffa rugosa, stracciata e acciaio arrugginito ci insegnano la transitorietà. E impartiscono tre semplici realtà: niente dura, niente è finito e niente è perfetto. Minott celebra questi insegnamenti nelle sue immagini fotografiche che riflettono l'estetica giapponese del wabi-sabi (un modo di vivere intuitivo che enfatizza la ricerca della bellezza nell'imperfezione e l'accettazione del ciclo naturale di crescita e decadimento).

Le immagini qui sono la sua celebrazione di autentici cambiamenti e omaggio ai suoi insegnanti di transitorietà.

Questi insegnanti si trovano in aule travestite da discariche, ranch abbandonati, cortili di accaparratori e parcheggi di roulotte dimenticati da tempo, tutti sparsi nel sud-ovest del deserto dove il sole fa la sua magia. È qui che Minott fotografa le patine su barili e serbatoi d'acqua di 50 gallone e scopre la vita nascosta della ruggine sul retro di barattoli di vernice scartati. Ecco come nascono le sue fotografie astratte.

Il mio viaggio verso Prescott College è iniziato alla nascita, ma suppongo che questa storia possa iniziare tre anni prima di partecipare. Dopo essermi diplomato, ho deciso di non seguire le costruzioni culturali del comportamento normalizzato in termini di andare direttamente al college dopo il grado 12. Volevo capire se siamo veramente più forti, più coraggiosi e più intelligenti di quanto potremmo mai sapere?
Dopo aver lasciato il liceo, ho esplorato questo paese, quel paese, un altro paese, aiutando a riparare rifugi antiaerei, cantando canzoni, parlando lingue diverse, capendo cosa significa veramente "indigeno", ballando, condividendo ottimo cibo, esplorando fitte foreste, sentendo l'energia di città, incontrare persone fantastiche e interconnettere le storie di chi ero, con chi sono diventato.
Col passare del tempo, sono diventato una guida di arrampicata su roccia e ho sentito che il mio lavoro era molto più che aiutare le persone a legare una corda. In sostanza, stavo facilitando la loro esperienza di incontro con paura, dubbio, insicurezza insondabili e comprensione delle parole "Posso". Durante quel periodo ho anche iniziato a studiare il processo di apprendimento e ho letto molti libri riguardanti l'educazione e sviluppando, per me stesso, un'autentica pedagogia che si concentrava sull'intero essere umano, piuttosto che sull'emisfero sinistro del nostro cervello. Così, ho iniziato a cercare un college che facesse lo stesso.

Per condurre fuori

Bisogna capire che la mia ricerca non aveva molto a che fare con le domande sulle grandi dotazioni, sul numero di confraternite o sul numero di senatori presenti e passati. Fondamentalmente, una grande scuola significa grandi persone; non piscine o sale da pranzo multiple; enormi biblioteche con ogni libro mai scritto, o cosiddetto "prestigio". Se la definizione etimologica di educazione è "condurre fuori", la domanda di partecipazione diventa più su "cosa" ci porta fuori, o meglio, "chi" ci aiuta a vedere il mondo come non abbiamo mai fatto prima?
Dopo la laurea da Prescott College, Mi è stato capovolto. Mi sono sentito pienamente preparato a incontrare l'ignoto con profondo rispetto e gratitudine spiegata. Per me, Prescott College mi ha aiutato a vedermi per quello che sono e per chi posso diventare. Ciò significava creare una laurea in apprendimento integrativo, che ha portato allo studio della paura, del potenziale, dello sviluppo umano, dell'educazione liberatoria e del processo di apprendimento; essere un membro del team in una spedizione di impacchettamento del miglio 800; kayak di mare nel Mare di Cortez; completare un corso di formazione per insegnanti di yoga 200 ore; vivere in America centrale; lavorare in varie scuole e tra molte altre esperienze.

Fellowship presso il Center for Inspired Teaching

Attualmente lavoro con il Center for Inspired Teaching a Washington DC La nostra missione è rivoluzionare l'istruzione attraverso la formazione innovativa degli insegnanti, lo sviluppo del curriculum e pratiche pedagogiche compassionevoli. Essenzialmente, Prescott College mi ha aperto a me stesso, e per questo, sarò per sempre grato.

Goditi il ​​viaggio,

Jordan Kivitz

Per i suoi Master in Suoli e Biogeochimica, Taryn sta lavorando per migliorare l'efficienza nell'uso dei nutrienti e ridurre gli impatti ambientali della produzione alimentare. I suoi studi universitari alla UC Davis sono incentrati sui cambiamenti climatici e sull'agricoltura. In particolare, la sua ricerca affronta in che modo le tecniche agricole migliorate come la riduzione della lavorazione del terreno, l'irrigazione a goccia e il ritaglio della copertura influenzano le emissioni di protossido di azoto nei sistemi di coltivazione del pomodoro. Dopo aver completato i suoi padroni, spera di continuare nell'educazione agricola e nella divulgazione, riunendo informazioni e persone in modo che la ricerca non sia isolata da coloro che possono usarla.

Steven Mirsky è un ecologo di ricerca per l'USDA-ARS presso il Laboratorio di sistemi agricoli sostenibili, USDA-ARS-BARC Beltsville, Maryland. Svolge ricerche agroecologiche in sistemi di coltivazione organici e sostenibili. La sua ricerca si concentra sulla valutazione della sostenibilità del sistema di coltivazione, inclusi criteri agronomici e ambientali. Steven conduce ricerche sulla valutazione del ruolo multifunzionale delle colture di copertura (controllo delle infestanti, eliminazione dell'azoto e fertilità) e della loro integrazione negli agroecosistemi per la gestione del suolo, delle colture e delle infestanti. Steven ha ricevuto i suoi MS e Ph.D. dalla Pennsylvania State University.

Il mio progetto di laurea magistrale a Prescott College dal titolo "Educare per un senso del luogo: il potere dell'educazione ambientale basata sul luogo"Con un'appendice intitolata" Walking Mountains Learning Center "è stato un punto di partenza per l'organizzazione no profit che ho fondato in 1998: Walking Mountains Science Center (precedentemente Gore Range Natural Science School) in Colorado. La nostra missione a Walking Mountains è "risvegliare un senso di meraviglia e ispirare la gestione ambientale e la sostenibilità attraverso l'educazione alle scienze naturali".

Nel corso degli anni ho lavorato per stabilire un rapporto continuo con Prescott College. Walking Mountains Science Center ha una borsa di studio in educazione ambientale in cui gli studenti guadagnano crediti 15 per il loro diploma MAP. Sono stato anche fortunato ad essere coinvolto nello sviluppo iniziale del dottorato di Prescott. Programma di educazione sostenibile come coordinatore del programma interinale.

La mia passione per comprendere ulteriormente il rapporto uomo-natura mi ha portato a studiare le dimensioni umane dei cambiamenti climatici per il mio dottorato. in studi ambientali all'Università di Antioch nel New England. Questa ricerca interdisciplinare ha coinvolto la fenomenologia ambientale e lo studio delle esperienze vissute dagli ecologi 20 sui cambiamenti climatici che conducono ricerche ecologiche basate sul luogo nelle montagne dell'ovest americano.

In Colorado, ho contribuito a sviluppare il curriculum per il programma di Bachelor of Arts in Studi sulla sostenibilità presso il Colorado Mountain College, dove insegno: Sistemi di pensiero per la sostenibilità; Leadership, etica e responsabilità sociale; Promuovere comportamenti sostenibili (psicologia della conservazione); e imprenditoria sociale. Sono stato il primo direttore del programma del Colorado per la National Forest Foundation, dove sono stato coinvolto nel coordinamento del restauro ecologico collaborativo del bacino idrografico Upper South Platte che fornisce acqua a Denver e in altre città lungo la Front Range del Colorado. E in 2012 mi è stata assegnata una borsa di studio con il Center for Collaborative Conservation presso la Colorado State University per proseguire le ricerche sulla leadership nella conservazione.

La mia esperienza presso Prescott College mi ha dato il background accademico e teorico di cui avevo bisogno come educatore ambientale, ma mi ha anche dato la fiducia e la visione per creare un cambiamento positivo e affrontare le mie paure dell'ignoto. Forse ancora più importante, continuo ad attingere al Prescott College filosofia di apprendimento centrata sullo studente per dare potere a molti altri giovani - laureati, stagisti e studenti laureati - di perseguire le proprie passioni e visioni per creare un cambiamento positivo attraverso l'educazione ambientale, la gestione e la sostenibilità.

Ruvido e fresco, affilato e rotondo, venato di malva e oro. Foglie e frammenti botanici, arrotolandosi e fondendosi con gli arti di femmine pensierose.

Osservando le trame e i colori che si intrecciano attraverso le sensuali opere d'arte di Raina Gentry, non è una sorpresa apprendere che si è laureata in Filosofia ambientale presso Prescott College, dove ha anche insegnato arrampicata su roccia da 1996 a 2000. Si percepiscono gli anni di una stretta osservazione del mondo naturale e dei luoghi in cui la mente e il cuore umani si incontrano nella natura.

Nato e cresciuto nel sud della California, Raina si è trasferito in Arizona per partecipare Prescott College, rimanendo come guida all'aperto per diverse compagnie di avventura nello stato e per insegnare corsi di arrampicata su roccia.

L'approccio "organico" di Raina alla creazione di arte che incorpora incisioni, disegni di vita, collage e pittura, è "fortemente influenzato dalla sua formazione presso Prescott College. "

"Ogni tela è un terreno di gioco per la psiche", dice, "evolvendosi in modo naturale e intuitivo senza struttura o aspettativa sul risultato finale, con il significato delle opere rivelate spesso molti anni dopo".

La stratificazione complessa dei media e della simbologia, con particolare attenzione alla forma umana, attinge ed esprime temi universali "con cui molte persone possono identificarsi", ha affermato.

Raina utilizza i media digitali per riciclare le immagini da un'opera d'arte all'altra nel modo in cui gli elementi vengono riciclati in un ecosistema e nel modo in cui ricicliamo aspetti della nostra psiche. Le influenze artistiche evidenti nel suo lavoro includono Frida Kahlo, Picasso, Georgia O'Keeffe, Basquiat, Romare Bearden, Gaugin e le contemporanee Barbara Rogers, Deborah Donelson, Dae Rebeck, Joe Sorren, Kim Goldfarb e Gwyneth Scally, per citarne alcuni.

Le sue opere d'arte si trovano in Arizona presso la Jerome Artist Cooperative Gallery di Jerome, in Bohemia In the Lost Barrio a Tucson, la Page Springs Cellars Wine Tasting Room a Cornville, la Arizona Handmade Gallery a Flagstaff e la cooperativa dell'artista Arts Prescott su Whiskey Row a Prescott, Ariz.

Sono stato un attivista sociale per tutta la mia vita adulta. Da quando ho iniziato la Scuola Primavera in 1972, il mio lavoro ruota attorno al rendere il mondo un posto migliore per i bambini. Nell'arena dell'educazione della prima infanzia, dello sviluppo del bambino, del sostegno familiare e della prevenzione degli abusi sui minori, cerco di ispirare gli altri a fare ciò che è meglio per i bambini e i loro genitori.

In 1996 ho fondato la mia seconda organizzazione no profit, un'organizzazione di sostegno e formazione a livello statale. Mi piace influenzare le politiche pubbliche, sviluppare buoni programmi basati sulla comunità e produrre opportunità di formazione di alta qualità per le persone che lavorano nelle proprie comunità per conto di bambini e famiglie.

Traccio il mio attivismo fino a Prescott College. La mia esperienza lì ha rimosso tutti i dubbi che avrei potuto avere riguardo al fatto se volevo o meno essere un agente di cambiamento. In effetti, mi ha reso un leader riluttante. Per via delle persone che ho incontrato Prescott College, Ho iniziato a vedere il mondo pieno di opportunità per un cambiamento costruttivo. Ho imparato a mettere in discussione, a valutare il mio istinto e a chiedere a molti e me stesso al servizio di fare ciò che il mondo chiede.

Consigli per gli studenti: "Non dubitare mai che un piccolo gruppo di persone possa cambiare il mondo; anzi, questo è tutto ciò che abbia mai avuto." - Margaret Mead

Shanti vive appena fuori Prescott, in Arizona, coltivando 8 acri di ortaggi, fiori e fagioli secchi con il marito e la famiglia. Lei e suo marito, Cory, hanno una famiglia 80 CSA, vendono nei mercati degli agricoltori 3 e in alcuni ristoranti locali. Sono coinvolti con l'educazione agricola attraverso un programma di tirocinio agricolo stagionale e gite scolastiche di classe di tutte le età. Inoltre, Shanti ha tenuto alcuni corsi presso Prescott College. "Adora coltivare il cibo più di ogni altra cosa ed è così grata di passare la sua vita a coltivare (e anche a crescere i bambini)".

La diversa esperienza educativa che ho ricevuto presso Prescott College quasi 28 anni fa si è evoluta in una carriera poliedrica che è stata, per coniare una frase di 60, "un lungo viaggio fantastico".

Dopo aver lasciato Prescott in 1974, ho lavorato in una varietà di professioni, tra cui il primo tassista (femmina) 20 di New York City, suonare in un gruppo rock'n roll ed entrare a far parte di un team di costruzione. In 1990 ho iniziato a lavorare con la Central Park Historical Society creando programmi per il loro programma di Leadership e conducendo tour di Central Park, il Museo di Storia Naturale e il mio studio d'arte a New York per studenti di educazione speciale. Durante quel periodo ho tenuto lezioni sul riciclaggio, ho aiutato a riabilitare gli uccelli feriti e ho diretto seminari per insegnanti di scuole pubbliche alla New York University.

Il mio lavoro si è spostato su 1991 mentre esploravo il legame ambientale con la malattia, essendo diventato un nuovo membro del club oncologico. La mia indagine sull'industria medica / del cancro ha prodotto risultati inquietanti. "Stiamo praticando la politica senza principi, la scienza senza umanità e la medicina senza logica" era il mio motto. Con i miei elementi visivi diretti, i talk-out, le dimostrazioni e gli articoli ho aiutato a richiamare l'attenzione sull'epidemia silenziosa e sulla prevenzione del cancro e sono diventato un sostenitore di trattamenti alternativi. La mia alleanza con Greenpeace, Wac, Wham e 1 in 9 (per nominare alcuni gruppi di base) ha ispirato numerosi lavori che hanno ricevuto un'ampia copertura espositiva e stampa, oltre a numerosi premi e proclami.

Da 1994-1997 ho ricevuto il Rachel Carson Award, il miglior premio Poster ambientale, il premio Umanitario dell'anno, la persona della settimana (notizie in tutto il mondo di Peter Jennings) e il premio Gilda Radner. Una delle mie foto è stata nominata per un premio Pulitzer e ha ricevuto sei premi in oro e argento da concorsi di design e giornali, tra cui un premio in prima pagina dal Newswomen's Club di New York. In 1996 ho prodotto un catalogo pluripremiato con una sovvenzione della New York Foundation of the Arts. Molte delle mie foto, articoli, saggi e interviste sono state pubblicate in una varietà di luoghi dalla rivista Glamour e dall'Enciclopedia Britannica ai documentari e realizzati per film TV.

La mia difesa ha le sue radici in Prescott College, a cominciare dal falco coda rossa in via di estinzione, che ha fornito un approccio metamorfico e metaforico alle mie ricerche. In 1974 ho assistito alla determinazione di uno studente di proteggere il suo falco da compagnia e il conseguente crepacuore quando il prigioniero è volato via. Ironia della sorte, quando sono tornato ad est un mese dopo, sono stato affrontato dal trofeo di mio padre: una coda rossa imbottita sedeva sul suo televisore! Mi sono reso conto quindi che l'educazione è lo strumento più potente che abbiamo per informare il pubblico.

Anni dopo sono stato fortunato a guardare un uccello che ho salvato liberato a Central Park dopo sei mesi di riabilitazione. . . Il suo volo verso la libertà ha fissato un ritmo per mettere in pratica i miei sogni e pensieri. Se una persona è determinata e impegnata in qualcosa in cui crede, può volare libera, sognare e volare per registrare altezze. Il trucco però sta tornando sulla terra con aspirazioni che possono aiutare a far avanzare la società attraverso il contributo e l'impegno personali.

Consigli per gli studenti:

  • Quando vuoi fare qualcosa che sai nel tuo cuore è giusto, non prendere no per una risposta.
  • Esperienza: sfruttane il più possibile.
  • Esamina come gli altri hanno affrontato i progetti che desideri esplorare, quindi fallo in modo diverso. Sii originale.
  • Abbraccia la diversità, ma non conforme. Adeguati quando necessario ma rimani sempre fedele alla tua verità e visione.
  • Trova sempre il tempo di sognare.
    Fai cose che ti rendono felice.

Dopo aver conseguito la laurea, ho acquisito preziose conoscenze ed esperienze lavorando come guardia forestale e naturalista interpretativo nel Parco nazionale di Canyonlands. Sono tornato a Prescott College in 1978 per aiutare ad amministrare un programma del Corpo di Conservazione della Gioventù e anche assunto le responsabilità dell'insegnamento nel programma di Studi Ambientali, dove ho progettato l'enfasi del programma sull'educazione ambientale.

Negli ultimi anni di 20 ho lavorato su numerose questioni ambientali, tra cui le bollette 1984 e 1990 Arizona Wilderness. In 1990 sono stato co-destinatario del National Wilderness Education Award sponsorizzato dall'US Forest Service e dalla Isaac Walton League. Durante la caduta di 1991, ho trascorso il mio anno sabbatico in Norvegia insegnando a Olavskolen Folkehogskole. In 1994 ho ricevuto il premio Educator of the Year e il President's Appreciation Award dall'Arizona Association for Learning in and About the Environment (AALE). In 1996 sono stato professore ospite presso il Telemark College, dove ho insegnato nel primo programma interdisciplinare di studi ambientali della Norvegia.

Da 1992 ho eseguito John Muir sotto contratto con l'Arizona Humanities Council. A maggio di 1998, ho ricevuto un premio come miglior presentatore alla National Wilderness Rangers Conference. Ho sempre avuto un profondo rispetto per la natura e riverenza per la vita.

Gli amici che ho fatto, e i paesaggi e la diversità delle culture che ho vissuto di conseguenza Prescott College, sia come studente che come istruttore mi hanno dato l'ispirazione permanente e la passione per il mio lavoro.

Consigli per gli studenti: Esamina e sfida le tue convinzioni e prova a vivere le tue convinzioni. Il mondo è pieno di meraviglia e opportunità di apprendimento. Chiediti se stai restituendo quanto ricevi dal dono della vita.

Come studente universitario, sono stato coinvolto in un'organizzazione locale senza scopo di lucro chiamata Prescott Creeks Preservation Association (PCPA). Da allora sono stato un volontario generale per PCPA, ho lavorato come presidente per due anni ed è stato assunto come primo manager di Watson Woods Riparian Preserve in 1999.

Oltre al mio lavoro con PCPA, sono partner di Riparia, Inc., una società di consulenza ecologica con sede a Prescott. Con Riparia, ho avuto l'opportunità di condurre progetti di restauro, educazione e ricerca ripariale in tutta l'Arizona. Cerco anche di trovare il tempo per i lavori divertenti. Negli ultimi due anni ho trascorso ore indicibili a gattonare intorno alle rive del fiume Verde contando i germogli di salici e pioppi. E mi pagano per questo!?! Tutto sommato, la mia carriera è appena diventata al suo posto. Sono stato benedetto con le mie opportunità e con i grandi amici che ho a Prescott. Attualmente vivo a sud di Prescott con il mio migliore amico, Osito. Sono venuto a Prescott College da una delle più grandi università del paese. L'ambiente piccolo e intimo di Prescott College mi ha insegnato che avrei potuto conoscere i miei mentori e istruttori a livello personale. Una di quelle relazioni mi ha portato al lavoro che sto facendo. Ho anche imparato a essere creativo con il mio sostentamento.

Consiglio agli studenti: Decidi cosa vuoi fare. Decidere sembra essere la parte più difficile per la maggior parte delle persone. Trova qualcosa su cui puoi mettere le mani e poi mettici dentro ogni grammo di passione. Finora ha funzionato per me.

In qualità di direttore generale della comunità per una società di sviluppo in Pennsylvania, Erin Conlen ha lavorato con sviluppatori e costruttori per progettare strutture sostenibili o "verdi".

“La protezione della natura e dell'habitat sono sempre state care al mio cuore, che alcuni vedrebbero come un conflitto con il mio lavoro [in costruzione]. Molte persone pensano che tu sia da una parte o dall'altra; ambientalista o costruttore. Dico, perché non essere nel mezzo?

“Attraverso i miei studi [nel programma ADP] cerco continuamente idee che miglioreranno ciò che porterò sul tavolo nella costruzione, cercando di offrire soluzioni accettabili per entrambe le parti. L'impatto che faccio potrebbe essere piccolo, ma alla fine, gioverà a tutti quelli che mi circondano. "

“Mi viene spesso rivolta una domanda sconcertante: cosa sta facendo una donna in costruzione? Ho scoperto che in realtà è qui che posso dare il maggior contributo al progresso della sostenibilità. "